DALL’EMOZIONE ALL’ IMMAGINE …….MUSICA POESIA e IMMAGINI

A volte la poesia e la musica s’incontrano e si condensano in immagini che raccontano, denunciano, evidenziano

meglio delle parole. O meglio….. quelle parole esaltano.

E ancora… quelle parole abbracciano in una sintesi che esalta il pensiero…….

…la musica accompagna come un novello Virgilio nella discesa agli inferi o nel volo nei cieli……..

 

 

GERUSALEMME                                                                              Patrick Edera

 

Delirio di tamburi                                                                                              11291810_986635891361568_1672379348_n

corse a perdifiato

cespugli di bandiere

innalzate fino allo spasimo.

Nessuno vuole più innesti

con l’ombra che uccide

e il ragazzo

lascia la pietra

intasca la mano.
Pace così distillata

su una breccia improvvisa del cuore

anche incrostata di sangue

confusa sbandata

prosciuga la febbre di piazza

e tu sola

nuda

al centro resisti.

 

Omaggio alla carriera a Jole Chessa Olivares 2010

olivares2010

 

Voce di Patrick Edera

JOLE CHESSA OLIVARES         versi

PATRICK  EDERA                             musica

 

La performance poetico-musicale di Jole Chessa Olivares e Patrick Edera apre la Manifestazione del 28 maggio al Teatro in Trastevere Casa della Cutura “CONTROSONATA A KREUTZER”.

A conclusione della Manifestazione si svolgerà la GHIRLANDA PER LA PACE con la presentazione dal vivo delle poesie inserite in questo Blog.

Recitano Maria Concetta Liotta e Luca Milesi.

Presenti le poetesse che hanno aderito al Blog.

11136657_935975289767073_209790426561107702_n

 

Il Logo della Manifestazione e della Ghirlanda per la Pace

è di FAUSTA GENZIANA LE PIANE.

(Collage – Elaborazioni grafiche )

 

 

Fausta Genziana Le Piane (premio Le rosse pergamene  2005 per la poesia inedita)

SULLA SABBIA DI UNA PRIGIONE

Gaza 2014

Sulla sabbia
di una prigione
a cielo aperto
mai
castello di sabbia
fu più effimero,
più labile.
Preda delle onde
e dei colpi di cannone
il cortile
spazzò via
i piccoli soldati che
a giocare a pallone
ridevano
correvano.
Il castello si sbriciolò
affondò
scricchiolò
all’improvviso
lasciando sul bagnasciuga
i corpi mutilati
bruciati
dei giovani campioni.
Avvolti nella maglia
non più quellaCIMG6638 (1)
preferita
della squadra
ma quella del sangue inarrestabile.

 

QUANDO LA PAROLA E’ VELOCE E SINTETICA COME L’IMMAGINE …….

La voce della  natura chiede il  rispetto di tutte le sue creature :

l’infinitamente piccolo, l’infinitamante grande.

L’uomo racchiude il mondo nella sua carne, nel suo pulsare nel mondo.

La poesia diventa colore, odore, senso, insetto…natura e parla la voce sincera della verità e del suo contrario, della bellezza e delle storture dell’umano esistere.

In questa discesa agli inferi, in questa ascesa ai cieli, la quiete, la pace sono la via necessaria per espimersi, per sopravvivere nelle identità che abbiamo ricevuto, che abbiamo scelto, che abbiamo sofferto.

La Pace è il rispetto per tutti, la strada dove tutti possono ritrovare la propria storia,

il senso dell’esistenza , il riscatto.

 

FRANCESCA FARINA

L’albero

“Io sono l’albero e la foglia,                                                                         DSCF7029
sono il frutto, il miele e l’ape
e la nuvola e il vento e l’alto cielo,
sono il gatto, la martora ed il muschio,
sono il coltello, il taglio e la ferita,
sono la squadra, il cerchio ed il tamburo,
il suono, il cadavere e la danza,
il rigoglio, il verme, oscura terra,
zolla, scorpione, indice, lanterna,
guaio, detrito, scarto ed illusione,
mente, memoria, e te, mano che scrivi.
Sono la goccia, io, e sono il lago,
acqua perenne e pozza insanguinata,
sono mannaia e chi mi ha sferrata,
sono mortaio e seme che ho pestato,
io sono il pianto e chi mi ha consolato,
sono radice, fiore, sputo, fiele
e sono cedro, puro arco, piede,
sono puttana e chi mi ha generato
e sono uno rimasto senza fiato,
sono quel fiato a lui presto fuggito,
sono il cucciolo che si è assopito,
la biada, il forno, il pane che ho sfornato,
io sono l’ultimo, ramingo, smorto nato,
il derelitto e il diseredato,
il letto, il fianco, il sesso avvelenato
ed il piacere, il cuore, lo starnuto,
sono violino, sono alto liuto,
il cameriere e il vino che ha versato,
il commensale e il vino che ha libato,
il panettiere e il filone che ha bruciato,
la legna, il fuoco, l’arbusto incendiato,
il dio, il lampo, il tuono risuonato,
il fulmine di Giove, il fulminato”

 

Una poesia di Carlo Betocchi che mi ha sempre emozionata per la potenza evocativa delle immagini poetiche  :

ROVINE

Non è vero che hanno distrutto

le case, non è vero:

solo è vero in quel muro diruto

l’avanzarsi del cielo

 

a piene mani, a pieno petto,

dove ignoti sognarono,

o vivendo sognare credettero,

quelli che son spariti….

 

Ora spetta all’ombra spezzata

il gioco d’altri tempi,

sopra i muri, nell’alba assolata,

imitarne gli incerti…

 

e nel vuoto, alla rondine che passa.

da :Vittoriano Esposito”L’altro novecento” Foggia, Bastogi, 1997

 

 

E non è forse la Poesia che passa come rondine sulle rovine del mondo ?

A volte ci aiuta a rialzarci, a ritrovare la forza dopo le tragedie.

 

 

ANTONIO BRUNI

Primo premio nel 2009

 nell’edizione dedicata alle biblioteche

Abitazioni bombardate

E’ scheletro casa alveare
non ronzano voci tranquille
non panni in bruciate finestre
non offrono odor di cucina
e il vento si impregna di morte
lo stesso che a stento respiro
nel corpo uguale rovina
ma voglio sperare rialzarmi
tornare alla vita e aiutare

 

QUANDO L’IMMAGINE E’ UNA BANDIERA

 

LORENA PADOVANI

La bandiera “della coscienza”

Sotto questo cielo
sfilano ambizioni
che barattano poteri.
Labile speranza
rassegnata in una stanza
dove germoglia la distanza.
Lotte di potere invocano pretese
bramose di possesso,
calpestano dignità
rendendo muta
anche l’aria
che singhiozza
consapevole
in questo mondo
di sprechi,
in questo gioco di ruoli
dove vince chi bleffa,
si accorgeranno
che è solo una beffa.
Venduti a un altro Dio
che esilia la coscienza
che inganna la pazienza,
per un traguardo che
smorza i colori,
che cambia i sapori.
Prima del tramonto
di quel sogno che non ha memoria,
affida il tuo talento
contrasta il vento
esprimendo anche “un no”,
io “non ci stò”.
Aggrappati a me,
alziamo lo sguardo
a queste stelle che brillano,
catturiamo l’aria che si muove
questa vita ancora commuove,
mendichiamo permesso,
coglieremo un compromesso
che avrà una sola bandiera
colorata di coscienza,
siamo ancora in tempo
per planare su questo cielo
togliendo intorno”il nero”

 

 

Anna Manna Clementi

La pace sull’erba                                                          La poesia è stata recitata da

                                                                                                 LUCA MILESI

luca tragico

La lite furibonda

il coltello

il sangue…

 

poi dall’erba salì l’oscurità

anche nel cuore

tacemmo per lungo tempo

senza rumori

e tirava la pelle sulle ferite

 

 

quando fu il buio totale

mi sentii disperato

e pensai d’averlo ucciso!

 

Il nucleo primordiale d’amicizia col mondo

mi sorprese

nel buio

in quello sguardo che mi riconduceva all’innocenza

 

E’ vivo!

senza pensare, senza pesare

i gesti

sentii soltanto fremere le sue dita

tra le mie

una stretta di mano

ancora sofferente

 

Raccogliemmo i pochi stracci

inumiditi dal pianto

sporchi delle lotte

di due popoli diversi

 

e piano piano cominciammo

a stringere nodi

quasi a cucire un peplo

per avvolgerci insieme

e sentire meno freddo

 

Al mattino

la pioggia aveva lavato la sporcizia

DSCF7074

ci accorgemmo che la coperta

somigliava ad una bandiera

senza stemmi

 

Felici come gatti

rotolandoci sull’erba

scoprimmo la pace

 

Quella stramba bandiera

sventolava anche sul sangue

che aveva macchiato

quel prato

 

ci sembrava di avere dieci anni

o forse venti

o forse cento

o forse mille……………..

avevamo voglia di nuovo

di giocare

a rincorrere le formiche

sopra il prato.